Progetti ROMA 9

In ricordo di Eduardo Vittoria. “La difesa del suolo, le misure contro l’urbanesimo, la salvaguardia del patrimonio moderno e del paesaggio, rappresentano le nuove dimensioni concrete dell’habitat... [urge] passare dal vecchio sistema urbanoedilizio a un sistema aperto, basato sulle omogeneità fisico-economiche e morfologiche di singole parti del territorio... [ad] aggregazioni nelle quali l’habitat vegetale e animale, l’insediamento umano e le localizzazioni produttive non siano considerate elementi settoriali, ma parti integranti di una nuova struttura ecologica”.Queste parole non si trovano in un pamphlet dei verdi, non vengono dal programma elettorale di Obama, né giungono dal recente convegno tenutosi al GSD, la scuola di architettura di Harvard, che ha avuto appunto il titolo di “Ecological Urbanism”. Sono invece un frammento dall’appassionato discorso che Eduardo Vittoria pronunciò al momento del suo insediamento come assessore al Centro storico e ai Beni culturali del comune di Napoli, nella giunta Valenzi. Correva l’anno 1975 e Vittoria, riferendosi allo straordinario sistema ambientale del golfo napoletano, tracciava le linee di un “buon governo”, capace di orientare in modo diverso lo...dall'editoriale di Franco Panzini.

I numeri della Rivista Progetti